Saverio Patrizi (1902-1957)

Il marchese Saverio Patrizi Montoro, nato a Roma l’11 gennaio 1902, fu eminente entomologo e paleontologo. Amico di Carlo Franchetti, alla sua scomparsa assunse l’onere della guida del Circolo sviluppando molto le ricerche biospeleologiche per mezzo di Marcello Cerruti e di molti giovani che lo seguirono in questa disciplina, primo fra tutti Mariano Dolci.
Prima della Guerra aveva partecipato a numerose spedizioni scientifiche all’estero, in Turchia e in Africa, ottenendo risultati lusinghieri. Negli anni Venti e Trenta del secolo scorso ricevette diversi incarichi dalla Società Romana di Colonizzazione, dal Museo Civico di Storia Naturale di Genova e dalla Reale Società Geografica Italiana per lo studio e la raccolta di materiali zoologici in diverse regioni africane.
Ricoprì inoltre la carica di Addetto Coloniale presso la Legazione italiana
al Cairo e Capo dell’Ufficio Caccia del Governo dell’Africa orientale ad Addis-Abeba. Negli anni della prigionia in un campo inglese, durante la seconda guerra mondiale, collaborò con il Corindon Museum di Nairobi. La sua passione e competenza nel campo dell’entomologia lo portarono ad essere nominato, nel 1953, Commissario Governativo dell’Istituto Nazionale di Entomologia. Sotto la sua presidenza si dette inizio ai lavori per rendere accessibile la grotta del Sasso di Furbara, che si apriva in una sua proprietà, importante per il ritrovamento al suo interno di alcune sepolture eneolitiche. In quel tempo fu particolarmente stretta la collaborazione del Circolo con il professor Mario Radmilli e con l’Istituto Italiano di Paleontologia Umana. L’influenza di Patrizi nel dare importanza alle ricerche scientifiche accanto alle attività esplorative trascinò i giovani e li educò ad affiancare alle esplorazioni un’intensa attività di ricerca e studio su basi scientifiche, influenza cui il Circolo gli è debitore ancora oggi.
Dopo appena un paio d’anni di Presidenza, anche la vita di Saverio Patrizi fu stroncata prematuramente il 21 febbraio 1957; fu investito da un autoveicolo.

Per approfondire: Leonardo Latella, Le spedizioni zoologiche di Saverio Patrizi, entomologo, biospeleologo e cacciatore, in “Memorie del Museo civico di storia naturale di Verona”, 2. Serie, Monografie Naturalistiche 4 (2009)

I commenti sono chiusi