Regolamento

REGOLAMENTO DEL CIRCOLO SPELEOLOGICO ROMANO

 

ARTICOLO 1

 

La sede del Circolo è aperta il martedì e il venerdì dopo le ore 20,00 e fino alle ore 23,00 a cura del segretario o da persona da lui incaricata. Chi ha un incarico speciale può accedere alla Sede in qualunque momento. Nella Sede sociale non potranno essere svolte attività estranee a quelle contemplate dallo Statuto del Circolo.

ARTICOLO 2

Agli Enti ed ai privati che richiedono l’opera del C.S.R. potrà essere richiesta una indennità per rimborso spese che sarà stabilita di volta in volta dal C.D.

ARTICOLO 3

I Soci sono tenuti a presentare, nel più breve tempo possibile alla segreteria, le relazioni e i documenti inerenti le esplorazioni o gli studi effettuati datati e firmati dall’autore che resteranno di proprietà del C.S.R. Gli articoli che saranno pubblicati sul Notiziario avranno la firma e l’autorizzazione dell’autore che assume la piena responsabilità di quanto scritto.

ARTICOLO 4

Il C.D. si riunisce almeno una volta ogni due mesi su iniziativa del Presidente o di tre consiglieri che stileranno l’Ordine del Giorno che riporterà la data e l’ora della riunione che, se non specificata altrimenti, si terrà sempre nella sede sociale. La segreteria comunicherà per lettera ai consiglieri la convocazione almeno cinque giorni prima della data prescelta. Possono sempre partecipare alle riunioni del C.D. i Revisori dei Conti. Gli altri soci e gli estranei possono partecipare su invito.

ARTICOLO 5

Al termine di ogni riunione del C.D. il segretario redigerà il verbale riportandolo sul libro sociale dei Verbali che avrà la data, i nomi dei consiglieri presenti, l’Ordine del Giorno e le deliberazioni prese. Tali verbali dovranno essere firmati dal presidente e dal segretario. Nel caso delle Assemblee, il verbale riporterà il numero dell’Assemblea, la data, l’elenco dei presenti, l’Ordine del Giorno e le deliberazioni prese. Il verbale sarà riportato nel libro delle Assemblee e dovrà essere firmato dal Presidente dell’Assemblea e dal segretario.

 

ARTICOLO 6

A ciascun socio spetta, all’atto della nomina, la tessera sociale. Agli Aspiranti sarà data una copia dello Statuto e del Regolamento cui dovranno attenersi.

ARTICOLO 7

Il C.D. stabilirà le quote sociali per i Soci e per gli Aspiranti che, dopo l’approvazione dell’Assemblea, dovranno essere versate all’Amministratore entro l’anno. I soci ammessi entro i primi sei mesi dell’anno dovranno versare una quota intera.

ARTICOLO 8

I Soci e gli Aspiranti, per essere ammessi alle escursioni, dovranno provvedersi dell’equipaggiamento personale.

ARTICOLO 9

I Soci godono dei seguenti vantaggi:

–          frequentare la Sede e prendere parte a tutte le attività del Circolo escluso quelle che richiedono una selezione;

–          usare il materiale Sociale secondo quanto stabilito dall’articolo 16 del presente Regolamento;

–          consultare le pubblicazioni della biblioteca secondo quanto stabilito dall’articolo 13 del presente Regolamento;

–          ricevere il Notiziario edito dal Sodalizio.

ARTICOLO 10

L’Amministratore, oltre a quanto stabilito dall’articolo 11 dello Statuto, mantiene l’inventario dei beni sociali coadiuvato dal bibliotecario e dal magazziniere, cura che i bilanci siano rispettati e amministra il patrimonio sociale. L’Amministratore ha la firma depositata per il prelevamento del denaro del Circolo presso il conto bancario di cui ha la responsabilità.

ARTICOLO 11

L’incaricato della Segreteria, nominato dal C.D. riceve e smista la posta, risponde alle lettere, apre e chiude la Sede sociale e mantiene i locali con una dignitosa pulizia. Si può far aiutare da altri Soci o anche da persone estranee al Circolo.

ARTICOLO 12

L’incaricato alla Biblioteca cura l’acquisizione e l’ordinamento del patrimonio librario, ne redige l’elenco, lo mantiene aggiornato, cura il prestito temporaneo ai soci e cura lo scambio del Notiziario con altre pubblicazioni.

ARTICOLO 13

La biblioteca è aperta alla consultazione nei giorni e nelle ore di apertura della sede sociale più il lunedì mattina dalle 09,00 alle 12,00. I Soci possono consultare i volumi e le pubblicazioni in sede e richiederne il prestito per iscritto al bibliotecario per un periodo non superiore ai due mesi. Sono tenuti, entro tale data, alla restituzione in ottime condizioni, di quanto preso in prestito. Il bibliotecario segnalerà al C.D. la mancata osservanza di quanto sopra che può comportare la richiesta di un indennizzo per il testo prelevato e, in caso della mancata ottemperanza di quanto sopra, alla espulsione dal Circolo.

ARTICOLO 14

L’incaricato al Catasto tiene in ordine tutto il materiale relativo al Catasto e tutte le carte topografiche del Circolo, redige le nuove schede, aggiorna le vecchie, cura la pubblicazione degli aggiornamenti catastali sul Notiziario e comunica al responsabile del Catasto Laziale tali nuovi dati.

ARTICOLO 15

L’incaricato al Magazzino mantiene in buono stato il materiale sociale, ne mantiene aggiornato l’inventario, ne dispone l’acquisto mantenendosi in linea con il bilancio preventivo, provvede a far riparare il materiale rovinato e ne amministra l’uso e provvede a scartare il materiale non più utilizzabile e pertanto pericoloso.

ARTICOLO 16

Il materiale sociale per le esplorazione può essere prelevato dal magazzino con l’assenso del magazziniere, dopo aver compilato la nota di quanto richiesto corredata dalla data e dal nome del Socio richiedente che è responsabile della sua restituzione integra. Al termine delle esplorazioni, il materiale dovrà essere tutto restituito al magazziniere pulito e in ordine. Nel caso di rotture o mancanze, queste dovranno essere subito segnalate per iscritto al magazziniere che provvederà alla riparazione o alla sostituzione e ne proporrà l’addebito al responsabile dell’esplorazione.

ARTICOLO 17

Le esplorazioni dovranno essere programmate in anticipo e segnalate sulla lavagna o in altro modo affinché i Soci, così informati, possano prendervi parte. Ogni esplorazione avrà un responsabile che potrà essere l’organizzatore o altro socio da lui designato che curerà il buon esito dell’esplorazione, la salvaguardia e la restituzione del materiale e di redigere la relazione come all’articolo 18. Gli Aspiranti soci non possono essere a capo ne tantomeno responsabili dell’esplorazione.

ARTICOLO 18

Al termine di ogni esplorazione dovrà essere redatta, nel libro delle uscite a cura del responsabile, la relazione dell’uscita che riporterà la data, il nome di tutti i partecipanti, l’itinerario per raggiungere la grotta e la relazione di quanto fatto. Il responsabile dell’uscita si incarica anche di fare o di far fare i rilievi con la descrizione delle cavità esplorate che saranno posti nel catasto sociale.

ARTICOLO19

Ogni attività che comporti una spesa di denaro, dovrà rientrare in quanto stabilito dall’Assemblea e contemplato nel bilancio preventivo per l’anno in corso. Ogni spesa deve essere giustificata da una fattura o da un documento equivalente per essere rimborsata dall’Amministratore.

ARTICOLO 20

Per quanto non contemplato dal presente regolamento, ogni decisione spetta al C.D.

DOWNLOAD IN FORMATO PDF DEL REGOLAMENTO DEL CIRCOLO SPELEOLOGICO ROMANO

 

Commenti chiusi